Home » News » La Coalition Against Stalkerware è annunciata pubblicamente

La Coalition Against Stalkerware è annunciata pubblicamente

  • Adam G 

Coalition Against Stalkerware

Le organizzazioni che lottano contro la violenza domestica uniscono le forze con le aziende del campo della sicurezza informatica

Un nuovo gruppo di lavoro mondiale, che combinerà competenze in materia di assistenza alle vittime e cybersicurezza, per aiutare gli utenti colpiti

Oggi, dieci organizzazioni: Avira, Electronic Frontier Foundation, European Network for the Work with Perpetrators of Domestic Violence, G DATA CyberDefense, Kaspersky, Malwarebytes, National Network to End Domestic Violence, NortonLifeLock, Operation Safe Escape e WEISSER RING hanno lanciato un’iniziativa mondiale chiamata Coalition Against Stalkerware (Coalizione contro gli stalkerware).

Cosa sono gli stalkerware?

Gli stalkerware sono programmi che permettono di intromettersi nella vita privata di una persona e che vengono sfruttati come strumento di abuso in contesti di violenza domestica e stalking. Installando queste applicazioni, è possibile avere accesso a messaggi, foto, social media, posizione, audio o registrazioni della fotocamera (a volte anche in tempo reale) sul telefono della propria vittima. Tali programmi sono eseguiti in background, restando nascosti, senza che la vittima se ne accorga o dia il proprio consenso.

Da alcuni anni ormai, il problema dello stalkerware è in crescita. Le organizzazioni no-profit stanno registrando un aumento nel numero di vittime che cercano aiuto a tale riguardo. Secondo Kaspersky, il numero di utenti vittime di stalkerware è salito al 35%, dai 27.798 del 2018 ai 37.532 del 2019. Il panorama delle minacce di stalkerware si è inoltre allargato, poiché Kaspersky ha rilevato 380 varianti di stalkerware nel solo 2019, il 31% in più dell’anno precedente.

Fino ad ora, non esisteva una definizione standard approvata per “stalkerware”, né esistevano criteri di rilevamento precisi, rendendo difficile la comunicazione al riguardo all’interno dell’industria della sicurezza informatica. Con queste premesse, i membri fondatori della Coalition Against Stalkerware hanno fatto un importante passo avanti per creare una vera e propria definizione e per raggiungere un consenso sui criteri di rilevamento.

StopStalkerware.org

La Coalizione ha inoltre lanciato un portale online, www.stopstalkerware.org, con cui intende aiutare le vittime, facilitare il trasferimento di conoscenze fra i membri, sviluppare best practice per uno sviluppo etico dei software e sensibilizzare il pubblico sui pericoli degli stalkerware.

Un obiettivo fondamentale del sito è fornire utili risorse online alle vittime di stalkerware. Gli utenti vi troveranno informazioni sul significato di stalkerware, cosa queste app possano fare e, soprattutto, come proteggersi. Il sito elenca tutti i più comuni segnali d’allarme da verificare se un utente ritiene di poter essere vittima di stalkerware e quali passi intraprendere o meno. Ad esempio, è importante ricordare che rimuovendo uno stalkerware si potrebbe causare un danno maggiore, in quanto il perpetratore ne verrebbe immediatamente informato dall’app, oppure potrebbe cancellare ogni prova importante per un’indagine delle forze di polizia.

La Coalition Against Stalkerware consiglia alle potenziali vittime di contattare immediatamente un’associazione locale di sostegno alle vittime o le forze dell’ordine, per mettere in atto misure di sicurezza.

“I software di monitoraggio si sono evoluti rapidamente nel corso degli ultimi anni, delle potenti funzioni di sorveglianza sono state aggiunte e lo scopo stesso di tali attività è radicalmente cambiato. Il continuo aumento nell'utilizzo di dispositivi mobili, unito alle falle legislative in materia, fornisce ai malintenzionati strumenti di spionaggio sui propri partner, familiari o amici. Avira considera tutto questo come una nuova categoria di minacce e invita le aziende impegnate nel campo della sicurezza informatica e le organizzazioni che operano contro la violenza domestica a unire le proprie forze, condividere informazioni e lavorare assieme per fermare queste violazioni della privacy." – Alexander Vukcevic, Direttore di Protection Labs, Avira
"Gli stalkerware, usati per spiare telefoni e computer nel quadro di abusi domestici o molestie, sono un problema molto serio, che spesso va di pari passo con altre forme di abuso, inclusa la violenza fisica. L'ubiquità degli stalkerware è un problema complesso, che va combattuto con più attori, provenienti da diversi campi." – Eva Galperin,Direttrice della sicurezza informatica, Electronic Frontier Foundation
“Gli studi dimostrano che il 70% delle donne vittime di cyberstalking sperimenta anche una o più forme di violenza fisica e/o sessuale da parte di un partner intimo. Dobbiamo impedire ai responsabili di sfruttare i telefoni delle partner, mettendoli dinanzi alle proprie responsabilità. La Coalition Against Stalkerware ci permette mettere le nostre conoscenze relative a violenza di genere e perpetratori al servizio delle aziende di sicurezza informatica, per lavorare assieme contro lo sfruttamento di nuove tecnologie nella violenza contro le donne." – Anna McKenzie, Manager delle comunicazioni, European Network for the Work with Perpetrators of Domestic Violence (WWP EN)
“L'installazione di stalkerware sul telefono del proprio partner costituisce una violazione dei diritti umani fondamentali. Siamo determinati a combattere questo tipo di comportamento e a proteggere i sopravvissuti agli abusi, che sono prevalentemente donne. G DATA Cyber Defense si impegna a sensibilizzare maggiormente gli utenti riguardo ai rischi potenziali, e a lavorare con le organizzazioni in difesa delle vittime per affrontare anche i risvolti meno tecnici associati agli stalkerware," dichiara Tim Berghoff, paladino della sicurezza presso G DATA Cyber Defense.
“Per contrastare questo problema, è importante che i vendor di cybersicurezza e le organizzazioni no-profit lavorino assieme. L'industria della sicurezza informatica dà il suo contributo migliorando il rilevamento degli stalkerware e notificando più adeguatamente gli utenti su queste minacce alla loro privacy. Le organizzazioni di assistenza e sensibilizzazione lavorano direttamente a contatto con le vittime di violenza domestica, conoscendo le loro criticità e necessità, e possono per questo guidare il nostro lavoro. Agendo assieme, fianco a fianco, saremo in grado di assistere i sopravvissuti con competenze tecniche e creazione di capacità." - Vyacheslav Zakorzhevsky, Capo ricerca anti-malware presso. Kaspersky.
“Per anni, Malwarebytes ha rilevato e avvisato gli utenti delle abilità potenzialmente dannose degli stalkerware, una minaccia invasiva che può privare gli individui delle diritto alla privacy e della sua aspettativa. Proprio come gli abusi che consentono, gli stalkerware proliferano lontano dagli occhi del pubblico, lasciando le proprie vittime nel più totale isolamento, bisognose di essere ascoltate e aiutate. Una Coalition Against Stalkerware che combatta assieme è il prossimo passo necessario per fermare questa minaccia digitale: si tratta di un approccio collaborativo guidato dal desiderio di offrire un utilizzo sicuro delle tecnologie per tutti, dappertutto." – David Ruiz,Autore, esperto di privacy online presso Malwarebytes Labs
“Quando progettati per operare in modalità totalmente nascosta, senza notifiche al proprietario del dispositivo, gli stalkerware possono fornire agli stalker e altri criminali un solido strumento per mettere in atto molestie, sorveglianza, stalking, frodi e abusi. Questo tipo di crimini può essere terrificante, traumatizzante e solleva importanti questioni relative a sicurezza e privacy. La creazione di questa Coalizione è un importante passo avanti nella gestione di questo problema." – Erica Olsen,Direttrice del Safety Net Project, National Network to End Domestic Violence
“A NortonLifeRock, i nostri esperti ricercatori si impegnano da 12 anni per impedire agli stalker di utilizzare questo tipo di software, fornendo a vittime reali e potenziali degli strumenti con cui proteggersi e liberarsi dalle molestie, dalle violenze e dagli attacchi. Siamo orgogliosi di fare parte della Coalition Against Stalkerware, di poter condividere le nostre competenze e lottare assieme per fermare gli abusi." – Kevin Roundy,Direttore della ricerca di NortonLifeLock
"Gli stalkerware non hanno altro scopo se non quello di violare, ferire e instillare un costante senso di paura e ansia in molti dei nostri clienti. Si tratta di una minaccia attiva alla sicurezza e alla privacy delle persone. Via via che le nostre vite diventano più radicate nella tecnologia e dipendenti da essa, la minaccia degli stalkerware si fa sempre più grande. Oggi è più importante che mai prevedere queste minacce e privare i perpetratori del loro potere, che siano stalker o altre entità malevole. Operation Safe Escape non potrebbe essere più orgogliosa di far parte di questo gruppo dedicato a restituire la privacy e il senso di sicurezza ai nostri clienti e a chiunque altro, ovunque si trovi." – Wilson "Chilly" Hightower, Capo Intake di Operation Safe Escape
“Come associazione no-profit, siamo consapevoli di come la tecnologia possa facilitare l'accesso degli stalker ai dati privati delle proprie vittime. Queste ultime, raramente cercano aiuto, frenate dalla vergogna. WEISSER RING rileva come lo stalking sia un elemento sempre più presente nei contesti di abuso presi in carico. Nel 2018 abbiamo assistito 1019 casi di stalking, un incremento di circa il 3% rispetto all'anno precedente. Secondo le statistiche pubblicate dalla polizia tedesca, nel 2018 si sono verificati quasi 19.000 casi di stalking totali, 500 in più rispetto all'anno precedente, un altro numero chiaramente in ascesa. Per questo abbiamo creato l'app NO STALK assieme alla WEISSER RING Foundation, per fornire alle vittime uno strumento efficace per documentare l'abuso con prove evidenti." – Horst Hinger,Vice direttore generale di WEISSER RING

La Coalizione nasce come un’iniziativa senza scopo di lucro, per coinvolgere attori provenienti da vari settori, come organizzazioni no-profit, imprese e forze dell’ordine. Visto l’alto impatto sociale per utenti in tutto il mondo e considerate le nuove varianti di stalkerware che vengono costantemente realizzate, la Coalition Against Stalkerware è aperta a nuovi partner o richieste di cooperazione.

Per saperne di più sulla Coalition Against Stalkerware, visita il sito ufficiale www.stopstalkerware.org

Per saperne di più sulla situazione degli stalkerware nel 2019, leggi il rapporto pubblicato da Kaspersky e sostenuto dalla Coalition Against Stalkerware.

Leave a Reply

Your email address will not be published.